Ti trovi qui

[UNICO] Wedding

Raffinata e perfezionista

Consigli di stile per sposi, testimoni e invitati dalla "style coach" più famosa d'Italia.

ph: Gian Mattia D'Alberto - LaPresse

Articolo pubblicato il 1 novembre 2016

“La bellezza viene da dentro, il make up non può fare miracoli e neppure uno splendido vestito”.
Parola di Carla Gozzi, la style coach più famosa d’Italia, icona di stile ed eleganza.
Nota al grande pubblico grazie a trasmissioni televisive come Mamma sei too much e Ma come ti vesti?!, Carla Gozzi ha catturato l’attenzione di tante donne, giovani e meno giovani, per i suoi consigli semplici ma al tempo stesso raffinati e personalizzati, per essere sempre perfette, in ogni momento della giornata. Con lei la parola outfit è diventata di uso comune e molte ragazze hanno capito che per essere “notate” non serve eccesso o stravaganza, ma personalità ed eleganza, facendo attenzione al contesto in cui si indossa l’abito, all’occasione e all’età.
Sempre pronta ad aiutare chi ha bisogno di qualche “pillola di saggezza” in termini di look, Carla Gozzi dispensa i suoi preziosi consigli anche alle lettrici di Unico Wedding.

Cosa consiglia alle future spose per coniugare semplicità ed eleganza e sentirsi le più belle nel giorno più importante?
Il matrimonio è veramente il giorno più importante nella vita di una donna, perché è il simbolo del cambiamento. Proprio in quella giornata per sentirsi più belle è molto importante la preparazione fisica almeno un mese prima.
Per “preparazione” mi riferisco a un regime alimentare corretto e ricco di frutta e verdura, insieme a una leggera attività fisica che aiuterà a rendere l’incarnato più luminoso, il corpo flessuoso e lo sguardo brillante. La bellezza viene da dentro: il make up non può fare miracoli e neppure uno splendido vestito.

Spesso gli occhi sono puntati sulle testimoni, a volte talmente “presenti” da oscurare la sposa. Come devono comportarsi in termini di dress code?
Per rispetto della sposa, le testimoni non devono essere troppo visibili con il loro look. Sono vietati i colori troppo sgargianti, come il rosso e il fucsia, le fantasie “chiassose”, il nero e il bianco. Anche gli accessori devono essere discreti: nulla di rumoroso come catene, bangles o scarpe dai tacchi troppo pesanti. In sintesi, le testimoni devono essere eleganti ma confondersi con il resto degli ospiti.

Se il rito è civile, qual è l’abito da sposa più adatto? Si può non rinunciare al bianco?
Il rito civile non richiede di rispettare un dress code come invece è necessario per il rito religioso. Pertanto la sposa che opta per la funzione civile, può scegliere l’abito bianco, così come un sobrio tailleur pantalone. L’unica regola che conta è l’eleganza.

Mamme e lavoratrici: non è certo facile essere sempre “a posto”. A cosa non possiamo proprio rinunciare?
Ogni donna è in lotta con il tempo da dedicare alla propria bellezza. Per mamme e lavoratrici ritagliarsi anche un paio di ore la settimana per il parrucchiere è quasi un sogno. Tuttavia è proprio il beauty, cioè trucco e capelli, che nel look giocano il ruolo più importante. Possiamo anche indossare un abito semplicissimo con accessori discreti, ma se il capello è fresco, pulito e acconciato bene, e il make up curato, l’effetto totale sarà di grande eleganza e perfezione.

I suoi consigli di stile sono preziose perle per molte donne. Ma qual è il look preferito di Carla Gozzi, da indossare tutti i giorni?
Anche io, come molte donne, decido cosa indossare sulla base del tipo di giornata che dovrò affrontare e da come in quel momento mi sento. Quindi i miei look sono trasversali, anche se ho forte propensione per tubini neri e gonne con bluse. Il tutto sempre completato dai tacchi. Questo mix mi fa sentire bene in molte occasioni.

Aprendo l’armadio di Carla Gozzi… c’è un un abito al quale è particolarmente affezionata?
Il mio guardaroba è ricco di tante tipologie di capi. Ho sia pezzi più quotidiani che capi eleganti da grand soirée. Potendo scegliere e pensandoci, ho un abito a fantasia minimale sui toni neri, rossi e fucsia che indosso più di altri. Sarà perché quell’abito si porta dietro qualche bel ricordo.

Com’è nata la sua passione per la moda? Lo stile è davvero una dote innata?
La passione per la moda è nata strada facendo. Prima mi sono innamorata dell’arte e da lì il passo è stato breve. Ecco perché per me arte, stile e bellezza sono indissolubili. Una bella donna, elegante e raffinata è un opera d’arte, qualsiasi sia l’età o la provenienza. Ed per questo che lo stile è innato.

Infine, un consiglio sulle tendenze per la stagione in corso. Nell’armadio di ogni donna non potrà mancare….
La stagione appena iniziata ci riserva molte sorprese e novità. Tra le prime, collant e calze colorate. Gonne ampie e svasate. Scarpe con grossi tacchi; maglioni a dolce vita e le cromie dei rossi e dei verdi militari. Avremmo da divertirci.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone

© [UNICO] people&style 2016


Lasciaci un commento