PRIMO PIANO

Dieci comuni Cuneesi uniti e grande parco fluviale

Articolo pubblicato il 5 Maggio 2014

Anno da ricordare il 2014: alla Casa del Fiume , il neonato centro di educazione transfrontaliera del Parco fluviale Gesso e Stura di Cuneo, è stata firmata ufficialmente la convenzione di gestione dai dieci sindaci dei comuni che formano il Parco. Un atto formale ma anche simbolico, che segna la strada per una gestione condivisa e una politica collaborativa. Con la firma ufficiale della convenzione di gestione, si chiude un percorso che ha visto il territorio del Parco fluviale Gesso e Stura estendersi dai 1.500 ettari di quando venne istituito dalla Regione Piemonte nel 2007, ai 4.050 attuali, con l’ampliamento sul territorio di altri nove comuni oltre a quello di Cuneo. Un cammino che si è aperto con l’approvazione, da parte del Consiglio Regionale del Piemonte, della Legge n. 16 del 3 agosto 2011, che ha sancito, dal 1° gennaio 2012, l’estensione dell’area protetta regionale fino a includere dieci comuni (oltre a Cuneo: Borgo San Dalmazzo, Castelletto Stura, Centallo, Cervasca, Montanera, Roccasparvera, Roccavione, Sant’Albano Stura e Vignolo), una superficie di 4.050 ettari e 60 km di fiume, con una popolazione di oltre 90.000 abitanti.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone

© [UNICO] people&style 2014