Dalle pendici dei monti al mare

Dalle pendici dei monti al mare

DUE ARTISTI “GIROVAGHI” Un capitolo di grande interesse sugli episodi d’arte tardogotica e rinascimentale è quello che riguarda i fratelli Tommaso e Matteo Biazaci, pittori itineranti nativi di Busca (CN) che a partire dalla seconda metà del XV secolo svolsero l’attività di frescanti in gran parte delle vallate cuneesi (Varaita, Maira e Grana) e, successivamente al 1474, in alcune località del ponente ligure quali Montegrazie, Piani di Imperia e Diano Castello. Come per la maggior parte degli artisti “girovaghi” di quel periodo, anche sui Biazaci aleggia una buona dose di incertezza: qual è la geografia dei loro spostamenti? Quali sono i cicli…

Arte in costante tensione

Arte in costante tensione

IDA ISOARDI INTERVISTA PIER GIUSEPPE IMBERTI Sembra che, da un paio d’anni a questa parte, il tuo lavoro abbia subìto una svolta decisa, verso una coerenza di stile e un linguaggio decantato ormai da echi e “debiti” inevitabili in ogni percorso artistico. Lo spieghi anche con il fatto che oggi puoi dedicarti all’arte a tempo pieno? Mi considero fortunato perché ora posso scegliere. Devo a mio padre l’antagonismo in quanto anche lui era pittore. Oggi è cambiato il contesto operativo perché tutto mi porta a concentrarmi sulla scultura. In Fabrizio Quiriti (direttore della Galleria Skema5 – ndr.) e nella sua frequentazione ho…

Il paese delle meraviglie

Il paese delle meraviglie

Libro strano e imprevedibile Alice nel paese delle meraviglie – anzi, rispettando il titolo originale, Alice’s Adventures in Wonderland (“Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie”) – dominato da un ribaltamento delle prospettive, un mondo rovesciato, pieno di giochi linguistici e matematici, riferimenti a storie e leggende dell’Inghilterra ottocentesca dove nasce, ma soprattutto percorso da fondamentali ambiguità e piccoli misteri. In primo luogo, sorge spontaneo chiedersi se è un libro per bambini o non un’allegoria per adulti, per far emergere in noi quella, sovente sopita, dose di “lucida follia” che è ciò che, in fondo, ci dona la creatività, la capacità di colorare…

L’Arte del tempo di ieri le Opere del Giovane Enrico Tealdi

L’Arte del tempo di ieri le Opere del Giovane Enrico Tealdi

Scrisse Fernando Pessoa, autore e poeta lusitano, dotato di quella insolita e “lunare” sospensione dal reale che percepisci nei quartieri e nei vicoli di Lisbona: “Debbono esserci delle isole verso il Sud delle cose, dove il soffrire è qualcosa di più dolce, dove vivere costa meno al pensiero e dove è possibile chiudere gli occhi e addormentarsi al sole e svegliarsi senza dover pensare a responsabilità sociali né al giorno del mese e della settimana che è oggi”. Osservando le opere di Enrico Tealdi mi sono venute alla mente quelle “isole del Sud”, quell’universo auspicato e diverso che emerge dalle velate immagini,…

Agenda

Agenda

INDAGINI SU SAN SEBASTIANO Castello di Miradolo, dal 4 ottobre La Fondazione Cosso dedica una mostra di grande spessore alla figura di San Sebastiano, con straordinari capolavori provenienti da importanti musei italiani e prestigiose collezioni estere (San Sebastiano. Bellezza e integrità nell’arte tra Quattrocento e Seicento). La scelta del curatore, Vittorio Sgarbi, di approfondire l’iconografia di questo martire non è ovviamente casuale. L’aura di bellezza e l’intimo splendore che avvolge il corpo nudo e virile di Sebastiano – Apollo redivivo – ha catturato l’attenzione di tutti i più grandiartisti, dal Rinascimento…

Agenda

Agenda

Gaudenzio Ferrari alla Pinacoteca Albertina Fino al 30 settembre Alla Pinacoteca Albertina di Torino va in scena la mostra Dipinti e disegni della Grande Officina di Gaudenzio Ferrari, che approfondisce il tema del compianto di Cristo nella scuola pittorica del grande maestro. Attraverso l’itinerario figurativo che dalle prime prove dell’artista valsesiano giunge fino ai suoi seguaci operosi, nella seconda metà del XVI secolo, il visitatore può comprendere lo sviluppo compositivo e iconografico della tematica partendo dalla riflessione sui cartoni, patrimonio sostanziale delle botteghe vercellesi. L’iniziativa, promossa dall’Accademia Albertina e dalla…

Storia di ceramiche monregalesi

Storia di ceramiche monregalesi

Inaugurato nel dicembre del 2010, il Museo della Ceramica di Mondovì si è già affermato come la realtà museale per eccellenza del Monregalese. Ospita circa 2.400 pezzi della collezione Levi-Baggioli, a cui si sono aggiunti altri manufatti ceramici. L’esposizione permanente è dedicata ai due secoli di vita della produzione ceramica monregalese. “Un’avventura artistico-industriale che, a partire dall’età napoleonica, interessò Mondovì e i limitrofi centri di Chiusa di Pesio, Vicoforte, Villanova, Mombasiglio – spiega il direttore del Museo Christiana Fissore. – Nel corso del XIX secolo, si creò un vero e…

I musei che non ti aspetti

I musei che non ti aspetti

Nel mese di febbraio è uscito al cinema The Monuments Men , film che narra di una divisione militare americana impegnata nel recupero delle opere d’arte trafugate dai nazisti durante la Seconda guerra mondiale. Dalla “Grande Storia” alla “Piccola Storia” spesso il passo è breve: mi riferisco a un episodio significativo, quasi del tutto sconosciuto alle cronache, che testimonia l’atteggiamento di autodifesa che una piccola comunità assunse nei confronti del proprio patrimonio. Accadde a Coldirodi, una frazione nell’entroterra sanremese, durante l’ottobre del 1944: quattro compaesani (tra cui il parroco e…

Cuneo gotico

Cuneo gotico

Con la mostra di Titti Garelli, Le regine neogotiche, in programma presso la Chiesa di Santo Stefano a Mondovì, dal 12 aprile al 24 maggio, prosegue l’itinerario del progetto culturale triennale Il cuNeo gotico, curato da Enzo Biffi Gentili e voluto dalla Fondazione CRC di Cuneo. La personale dell’artista si basa sul tema della figura femminile, spesso giovanissima e adolescenziale. Il tema è ricorrente nella “cultura” neogotica, dove si trova nelle forme della belle dame sans merci , della dark lady, della strega, della fanciulla abbandonata, insidiata, sedotta e “traviata”….