Quando utilizzare la Riflessologia plantare

Quando utilizzare la Riflessologia plantare

Tra le condizioni di squilibrio che la riflessologia ritiene di poter alleviare e portare un miglioramento, sono soprattutto nei casi di congestione, tensione ed infiammazione. L’obiettivo è quello di eliminare gradualmente, durante le sedute, queste condizioni spesso interconnesse, riuscendo a ripristinare l’equilibrio del corpo. La pressione e la tecnica usate variano in base all’età del cliente, alla sua soglia del dolore e alle zone da trattare. La frequenza delle sedute vengono stabilite caso per caso, in linea di massima inizialmente sono settimanali e poi bisettimanali. Per l’asma e i problemi…

La Riflessologia Plantare: funziona?

La Riflessologia Plantare: funziona?

Vari studi vengono presi in considerazione per spiegare i meccanismi che governano l’efficacia della riflessologia plantare. Il sistema linfatico ha lo scopo di eliminare dal nostro corpo gli eccessi di fluidi e tossine, con la riflessologia plantare questo viene stimolato a funzionare in maniera più efficace e con maggiore velocità a beneficio di tutto il corpo. La riflessologia plantare si basa sul principio che le terminazioni nervose dei vari organi e visceri, dai gangli spinali fino a giù, vanno a raggiungere la zona plantare, mediale e dorsale del piede. La…

Storia della Riflessologia plantare

Storia della Riflessologia plantare

Secondo alcune ricerche storiche, una pratica simile era diffusa nella Cina del 4000 avanti Cristo e nell’Antico Egitto. Inoltre, sembra che una sorta di massaggio dei piedi, con finalità terapeutiche su tutto il resto del corpo, facesse parte anche della cultura delle tribù indiane del Nord America. Venendo a tempi più recenti, a proporre per la prima volta il concetto moderno di riflessologia plantare fu un medico statunitense di nome William H. Fitzgerald, nel 1913. Specialista in otorinolaringoiatria, Fitzgerald affermava che l’applicazione di una pressione sui piedi ha un effetto…

La riflessologia Plantare

La riflessologia Plantare

La disciplina denominata riflessologia plantare è un massaggio e un trattamento che viene svolto sui piedi con le dita delle mani in modo da riequilibrare l’energia e il benessere dell’intero organismo. I piedi sono una fra le parti più importanti del corpo, ai quali spesso però diamo poca importanza. Passiamo letteralmente la nostra vita su di essi, ecco perché vanno curati e considerati per avere più benessere. Attraverso il massaggio dei piedi infatti si possono alleviare e prevenire molti fastidi. Nei piedi si trovano centinaia di terminazioni nervose che, se…

Detox

Detox

La detossificazione rappresenta una forma di cura utile sia a livello preventivo che di riequilibrio. Va eseguita con conoscenza e diligenza, con consigli ma anche con preparati personalizzati. Il drenaggio consiste in una stimolazione lieve e prolungata nel tempo degli organi emuntori, per favorire l’eliminazione di tossine o residui catabolici che si accumulano nell’organismo, ripristinando l’omeostasi interna, in conseguenza ad abusi nell’alimentazione, assunzione di farmaci ed all’inquinamento atmosferico. Il drenaggio elimina i metaboliti che si liberano dal continuo ricambio cellulare, svolgendo un’azione stimolante sul Sistema Reticolo Endoteliale, deputato a fagocitare…

Fitoterapici

Fitoterapici

Il Dottore Antoine Nebel studiò diversi metodi per stimolare il fenomeno della disintossicazione. Il rimedio drenante permette di convogliare in senso centrifugo le scorie metaboliche dell’organismo e di favorire la loro espulsione all’esterno agendo sugli organi emuntori. Il drenaggio è utile: – in preparazione ad un trattamento specifico – in presenza di affezioni croniche – in convalescenza – nelle intolleranze alimentari – nei cambi di stagioni – per eliminare le tossine accumulate e liberare l’organismo dalle sostanze derivanti dal ricambio di cellule e tessuti. Inizialmente venivano utilizzate nel drenaggio le…

Acidosi e mucosi

Acidosi e mucosi

Le mucosi o sostanze colloidali sono residui del metabolismo proteico e lipidico, sono costituiti da cellule morte e sostanze aromatiche derivanti dal metabolismo delle proteine. Sono insolubili nei liquidi organici e nel sangue e provocano una iperviscosità sanguigna. Vengono drenate da emuntori specifici come il fegato e l’intestino. Il sovraccarico di mucosi o colloidali si manifesta con disturbi caratterizzati da una sintomatologia escretiva, ovvero catarro bronchiale, bronchite, leucorrea, eczema. L’acidosi o sostanze cristalloidi è un residuo del metabolismo dei carboidrati e proteico, è costituito da acido ossalico, acido piruvico e…

Le tossine

Le tossine

Le Tossine si dividono: 1. Tossine esogene: che provengono dall’esterno. E sono i metalli pesanti, come mercurio (le amalgame color argento ne contengono almeno il 52%), piombo, argento, oro, zinco, rame, stagno, alluminio (da uso delle pentole di alluminio). Anche lo stress e l’affaticamento generale esagerato conducono facilmente a condizioni prepatologiche e invecchiamento prematuro. L’ uso di cibi contenenti coloranti, conservanti, pesticidi, ormoni steroidei, uso di bevande gassate, sovralimentazione di zuccheri e grassi, come l’uso indiscriminato di antiacidi, lassativi, antibiotici, di corticosteroidi. E i cosmetici, i conservanti e i sequestranti…

Tossicosi

Tossicosi

Lo stato di benessere di una persona dipende in gran parte da quante tossine sono accumulate nel suo organismo ed in modo particolare nella linfa, nel sangue e nel sistema nervoso. Un affaticamento, di carattere mentale o fisico, riduce l’energia vitale al punto in cui l’organismo non riesce più ad eliminare le tossine (rifiuti organici) che si sono accumulate nel sangue, nella linfa, nel liquido extracellulare e nel liquido intracellulare. Un accumulo di tossine nel sangue genera una tossicosi chiamata “tossiemia“, invece se avviene a carico della linfa si ha…

Taping

Taping

Questa tecnica è stata utilizzata, negli anni 70, dal chiropratico giapponese Kenzo Kase. I cerotti vengono applicati sulla pelle e possono, a seconda della posizione, della direzione e della tensione, inibire un muscolo sovraccaricato e contratto, migliorando la funzionalità motoria. E’ importante sottolineare che il tape non è impregnato e di conseguenza, non rilascia, nessuna sostanza o farmaco, ma stimola i naturali processi di guarigione dell’organismo, agendo per effetto meccanico. D’altra parte, il tape può, per certi aspetti, avere funzioni simili ad un bendaggio, senza peraltro dar luogo ad una…